Toscana, la culla del Chianti
29 apr 2013

Toscana, la culla del Chianti

Quando si parla di Firenze o di Siena nel mondo sicuramente si intende parlare dell’eccellenza del Made-in-Italy, delle delizie della gastronomia e di vini riconosciuti da tutto il mondo come top-class. Scoprire la grandezza della Toscana è possibile grazie a un excellence-tour firmato Wine&Wedding.

Gli appassionati del vino amano la Toscana e l’area del Chianti Classico. A rivelarlo è una inchiesta di Winenews/Vinitaly che sostanzialmente conferma un trend già noto del turismo mondiale. Sono molti gli stranieri che vengono in Italia e che scelgono un tour in Toscana non solo per la magnificenza dei panorami e per le città storiche, ma anche per la sua ben nota tradizione enogastronomica che la rende una delle regioni più importanti per la produzione di vino. (Foto: Val D’Orcia – mobile.wallpapersus.com)

La Toscana offre differenti aree di produzione, ognuna con il suo tipico vitigno: il Chianti Classico, la Vernaccia di San Gimignano, il Brunello di Montalcino, il Nobile di Montepulciano e il Bolgheri. Tutti questi sono vini DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) che seguono scrupolose norme di produzione.

Scegliere un tour della Toscana organizzato da Wine&Wedding significa avere la possibilità di godere di servizi professionali e unici: noi lavoriamo per il tuo relax e saremo lieti di lasciarti vivere un weekend perfetto senza la minima preoccupazione.

Chianti Classico e Maremma: il weekend perfetto tra Arte e Wineries
Secondo la ricerca citata, il 21% degli appassionati di enologia sceglie di passar un weekend nelle tenute del Chianti Classico, un’area che include le province di Firenze e Siena ed è racchiusa tra le colline del Chianti (al confine est), il fiume Greve (a nord), il fiume Pesa (a ovest) e le sorgenti dell’Ombrone e dell’Arbia (a sud).
L’area è estremamente ricca di tesori storici e culturali e sicuramente consigliamo di dedicare un po’ di tempo a visitare Firenze e Siena, imperdibili gioielli d’arte. (Foto: Firenze- flikr.com) Durante il giorno potrete pianificare ad esempio un giro in città e visitare il Duomo con la torre campanaria disegnata da Giotto, la cattedrale di Santa Maria Novella, la Galleria degli Uffizi e potrete godere di una splendida passeggiata al tramonto su Ponte Vecchio. Dopo una giornata così intensa tutto ciò che desidererete sarà una serata rilassante, assaporando i profumi e gli aromi della vera Toscana.  Ad appena un’ora e dieci da Firenze potrete entrare nel paradiso di Borgo San Felice Wine Resort dove troverete il giusto benvenuto e tutto il relax del quale avete bisogno. Borgo San Felice è la miniatura di un villaggio che è divenuto un Resort esclusivo con una piccola cappella privata al centro della piazza e tutto intorno case, stradine, tabernacoli e la casa padronale nella quale sarete magistralmente ospitati.
All’interno di Borgo San Felice scoprirete così il Ristorante Poggio Rosso e lo chef Francesco Bracali saprà affascinare i vostri sensi con ricette basate su cibi tradizionali e freschissimi. (Foto: Siena, flikr.com) La carta dei vini è caratterizzata dalla presenza dei vini della winery San Felice(foto a destra) con le sue eccellenti etichette: il Vigorello Toscana, il Poggio Rosso (che dà il nome al ristorante) e il Brunello di Montalcino Campogiovanni. Se resterete in Toscana per più di un giorno suggeriamo di visitare Siena, con il suo centro storico medievale e la celeberrima Piazza del Campo, storica sede del Palio. Così dopo una passeggiata nel piccolo centro potrete dirigervi verso le tenute di Petra, a Suvereto (circa un’ora e mezza da Siena), ben nota per la sua imponente costruzione, una vera “cattedrale del vino”, progettata dall’architetto Mario Botta.

In soli cinquanta minuti potrete poi dedicarvi di nuovo al relax di classe presso il Wine Resort L’Andana, un posto davvero favoloso che si trova nel cuore della Maremma, un una villa medicea circondata da una riserva naturale perfettamente conservata.
Nel Resort L’Andana avrete occasione di respirare i profumi della campagna toscana e le fragranze del Mar Tirreno. Qui troverete la Spa Gourmand e la Trattoria Toscana con una romantica cappella privata. Sia L’Andana che le tenute Petra sono di proprietà della famiglia Moretti. (foto sinistra: Tenute di Petra)

Piatti tradizionali da non perdere
Le origini della cucina regionale vengono dal mondo contadino e così alla base dei piatti tipici non mancheranno pane, farro, legumi e verdure. I classici antipasti includono crostini con una miscela di fegato di pollo e milza, panzanella e salumi tra cui la celebre finocchiona. Il primo piatto è spesso composto da una zuppa in brodo, da ribollita o da un minestrone di fagioli, farro, da una zuppa di pici o da spaghetti stile senese o ancora da pappardelle al sugo di lepre. Tra i secondi di pesce, assaggiate la zuppa di pesce che è particolarmente diffusa insieme con il merluzzo essiccato e le triglie alla livornese. Per le carni, invece non si può rinunciare a una bistecca alla fiorentina che regna sovrana in ogni menu, ma anche ad altri piatti a base di carne di faraona, di maiale o di selvaggina. Dolci tradizionali sono il castagnaccio, il buccellato e i cantucci.

Richiedi maggiori informazioni sui nostri tour in Italia scrivendo a info@wineweddingitaly.com. Per rimanere sempre aggiornati sulle proposte che Wine&Wedding ha in serbo per te iscriviti alla newsletter.