Riti e tradizioni del fidanzamento
16 gen 2013

Riti e tradizioni del fidanzamento

Riti e tradizioni del fidanzamento: dalla consegna dell’anello al cospetto dei genitori all’engagement cake

Un importante significato e grandi aspettative sono racchiuse in un oggetto tanto piccolo ma di valore inestimabile per chi lo riceve. Parliamo dell’anello di fidanzamento, luccicante monile racchiuso in una piccola ed elegante scatolina che porta con sé un preciso messaggio: la promessa di imminente matrimonio e l’auspicio di un eterno amore.

Attraverso epoche diverse, le usanze legate al fidanzamento hanno subito dei cambiamenti. Ma da chi e come ha preso il via rito del fidanzamento e perché a suggellare l’unione per la vita è un anello adornato con una pietra preziosa? Fin dall’antichità l’anello ha rappresentato l’oggetto che meglio di altri simboleggiava l’amore e l’unione. La sua forma circolare lo identificava come simbolo di eternità e continuità.


Anello fidanzamento Solitario – Damiani Collezioni

Ai tempi dell’antica Roma il primo passo per una coppia prima giungere al matrimonio era quello degli sponsalia, ovvero del rito del fidanzamento. Si trattava di una vera e propria cerimonia attraverso la quale si compiva la promessa di matrimonio al cospetto del pater familias che prometteva al futuro sposo la propria figlia in moglie. L’unione era suggellata da un casto bacio e dal dono di un anello, un cerchietto di ferro che successivamente divenne d’oro, ma che si conservò nella sua semplicità per alcuni secoli.
Bisognerà attendere il Rinascimento per avere le prime testimonianze di anello di fidanzamento simile a come lo conosciamo oggi, dunque più prezioso e adornato con un diamante. Fu infatti l’arciduca Massimiliano D’Austria a donare alla fidanzata Maria di Borgogna un anello con diamante, simbolo di purezza e di eterno amore. Da allora fino ai giorni nostri, l’anello di fidanzamento si è via via fatto più ricco e prezioso della fede, raggiungendo la supremazia assoluta nel diciannovesimo secolo con l’avvento del solitario.
Per quando riguarda invece modalità e tempi della consegna  non vige una regola precisa. Se ai tempi dei nostri nonni  la tradizione imponeva che avvenisse al cospetto dei genitori in occasione delle presentazioni ufficiali delle famiglie, oggi è divenuto un rito molto più intimo, da vivere a due, anche se non manca chi decide di farlo platealmente, coinvolgendo un numero consistente di persone che, per l’occasione, diventano perfino attori o figuranti. Trend del momento coinvolgere la propria fidanzata in un flash mob o farla diventare addirittura protagonista di un film.
Attraverso tempi e stagioni della vita rimane pur sempre intramontabile la proposta romantica e intima il cui regista è proprio il futuro sposo che sceglie una location particolarmente sentita, magari quella del primo bacio o una città particolarmente suggestiva. E, durante il dessert o una passeggiata al chiar di luna, arriva il momento giusto per consegnare il prezioso anello.
Celato in un mazzo di fiori, in un cubetto di ghiaccio durante il brindisi o in un ovetto di cioccolato al posto della sorpresa, poco importa. In quell’istante conta solo stare insieme.
Molto in voga negli ultimi tempi lasciare senza parole la futura sposina sorprendendola con un engagement cake.

Engagement Cake (Foto: Tanya Foreman)

Una torta made in Usa, spesso di grandi dimensioni, che oltre a “raccontare” la storia d’amore della coppia con dovizia di particolari (rigorosamente di zucchero), custodisce in cima un luccicante anello di brillanti.