No smoking, please! Le regole per lo sposo perfetto
04 feb 2013

No smoking, please! Le regole per lo sposo perfetto

La protagonista assoluta del giorno del matrimonio è la sposa, ma non per questo il ruolo dello sposo è meno importante. Anche il suo outfit per quel giorno va curato nei minimi dettagli così da risultare coerente con la tipologia di matrimonio scelta. Ecco alcuni utili consigli per scegliere il giusto look.


Rispetto alla scelta dell’abito da sposa, quello dello sposo risulta essere meno ammantata di mistero. Affinchè ci sia armonia anche nel look della coppia nel giorno delle nozze, la sposa stessa, o chi conosce i particolari e lo stile del suo abito, vanno spesso in aiuto allo sposo consigliandolo nella scelta della mise e nella costruzione dell’intero look.

In questa scelta ciò che conta è innanzitutto la personalità dello sposo: mai dovrà indossare un capo che non senta suo in modo da non risultare forzato o, peggio, impacciato proprio nel giorno delle sue nozze.

Nel rispetto dei gusti personali, però la scelta dell’abito da sposo dovrà comunque fare i conti con il tipo di cerimonia prescelto, con il luogo e l’orario. Solo in base a questi fondamentali elementi si può procedere alla scelta migliore e optare per un look più tradizionale o uno più originale o persino inconsueto. La regola aurea da tener bene a mente è sempre la stessa: non esagerare!

Anche l’abito più costoso, di alta sartoria, può non adattarsi bene al fisico dello sposo e al suo modo di essere. Per non rischiare di indossare qualcosa che non si adatti alla persona e non la faccia sentire a proprio agio, lo sposo dovrà mettere in conto diverse prove (proprio come per la sposa) e magari prevedere la possibilità di personalizzare un modello scelto, arricchendolo con dettagli di stile o modificandone alcuni particolari.

                       

Una scelta di stile.

Tra le tipologie di abito tra cui lo sposo può scegliere segnaliamo il tradizionale tight o il mezzo tight, meno formale, da indossare rigorosamente in cerimonie di mattina, il classico tre pezzi composto da giacca monopetto, pantaloni e gilet. Ma se è il caso di stupire si potrà optare anche per qualcosa di stravagante scegliendo, ad esempio, una giacca in velluto dal colore insolito.

L’opzione più classica e che risulta sempre e comunque elegante è senza dubbio l’abito tre bottoni scuro, dalle cromie del blu o del grigio. Per quanto riguarda il gessato, invece, che sembra molto amato da sposi e invitati pur non essendo tradizionalmente un abito da cerimonia, va scelto solo di tonalità molto scura, dall’antracite al blu.

                           

Attenzione invece allo smoking: erroneamente alcuni sposi scelgono di indossarlo, ma in realtà si tratta di un abito da sera e non da cerimonia, quindi è sempre meglio evitarlo anche se ci si sposa nel tardo pomeriggio.

Suocero e groomsmen rigorosamente en pendant

Una volta che lo sposo è giunto alla scelta del suo abito nuziale, completo anche di accessori, coinvolgerà anche il padre della sposa che dovrà avere un outfit in linea con il suo.

Infine se si decide di arricchire la cerimonia con una corteo nuziale, anche damigelle e groomsmen dovranno avere uno stile coerente, in modo da disegnare una preziosa cornice all’evento. Se dunque sarà la sposa a scegliere gli abiti più adatti per le sue damigelle d’onore, toccherà allo sposo coinvolgere i suoi amici nella ricerca del perfetto abito per quel giorno in questo modo tutto l’insieme risulterà omogeneo e coerente.

(Foto principale: Angelo Nardelli)