Matrimonio vintage-glam: gli anni ’50 come ispirazione
16 ago 2013

Matrimonio vintage-glam: gli anni ’50 come ispirazione

Matrimonio vintage-glam: gli anni ’50 come ispirazione 

Una pin-up  è divertente, giocherellona, ​​dolce, selvaggia, sorridente. Il modello è una bellezza dai capelli corvini con frangetta folta e nera, sopracciglia arcuate, rossetto rosso e calze di nylon con le stecche, tacchi alti e abiti al ginocchio, a pois. Se il tuo stile è costituito da questi elementi, siete pronti per organizzare il vostro matrimonio vintage-glam ispirato ai magnifici anni ’50! 

Che meraviglia, gli anni cinquanta! Bella musica swing e rock ‘n roll, il mondo dell’arte che esplode in nuove tendenze (Pollock, de Kooning e Warhol su tutti), film e attori che fanno innamorare il mondo intero, diventando vere e proprie icone, anche grazie alla TV (Liz Taylor, Marylin Monroe, Humphrey Bogart, Marlon Brando, James Dean e molti altri).
Negli anni ’50 anche la moda si rinnova ed inizia a produrre un “new look”, caratterizzato da corpetti stretti e gonne fluide o aderenti, tacchi alti e biancheria intima sexy, tanto che la moda anni ’50 è ancora oggi, per le donne, un riferimento ed una icona di femminilità. Gli attuali modelli rimandano in toto al periodo e gli stili vintage sono in voga da anni.

I modelli anni ’50 si dividono sostanzialmente in due categorie: abiti strettissimi in vita (che la sottolineano) e poi cadono in una gonna ampia, a volte a tutta ruota, che parte da appena sopra l’anca. Una crinolina era spesso indossata sotto per dare ancora più volume. L’altro tipo di abito molto à la page è invece caratterizzato da una gonna dritta ma molto sagomata, che però richiede un corpo molto sinuoso per vestire bene. La gonna è lunga fino a sfiorare le ginocchia e anche se sul retro troviamo spesso uno spacco.  Non si tratta di un abito che permette una lunga falcata, così indossandolo si tende ad “ondeggiare” camminando e di conseguenza, questo modo di vestire è stato indicato come “wiggle dress”, che in italiano potrebbe significare qualcosa tipo “abito ondeggiante”.

Matrimonio in pieno stile anni ’50
Spalle arrotondate e morbide, una vita quasi strizzata, un seno a punta e tacchi a spillo sono i tratti distintivi dello stile nuziale anni ’50. L’effetto clessidra può essere ulteriormente sottolineato con crinoline e gonne a tutta ruota. E ‘stato in questo momento che la cerniera è stata spostata sulla schiena.


Alcuni dicono che, dopo il successo del film “Il padre della sposa”, i costumi di Helen Rose hanno incarnato alla perfezione il look da sposa che le donne americane desideravano, rappresentato alla perfezione dalla star del film, Elizabeth Taylor. L’abito da sposa che indossava nel film è diventato l’abito più copiato del dopoguerra sin dai primi anni 1950.


Sembrava di prendere spunto da tutto ciò che era di moda all’epoca: da una vita stretta da un redingote da una marsina ad un carré maschile all’illusione delle trasparenze di pizzo fino ai colletti alla Peter Pan.

Pizzo, pizzo e ancora pizzo sul tuo abito da sposa al ginocchio
Nel dopoguerra, il pizzo (francese e belga) ha fatto la sua apparizione come tessuto di punta per il matrimonio, che ha reso diverso lo stile anin ’50 da qualsiasi altro abito da sposa nella storia. Non appena la ricostruzione postbellica in Francia, nota per le fabbriche tessili, ha cominciato a dare frutti, le spose americane hanno entusiasticamente accolto il pizzo e il fascino femminile che disegna e così  hanno iniziato a domandarlo sempre di più.

Orli plissettati, curvati in modo uniforme in su e in giù, sono apparsi per la prima volta in abiti da cocktail e non è passato molto tempo prima che anche gli abiti da sposa assorbissero la moda che dettava la lunghezza più glam alla caviglia, nota come lunghezza “ballerina” o “cocktail”, lussuosi abiti da sposa che catturavano lo spirito dei meravigliosi dipinti di Degas.

Nell’aprile del 1956, Grace Kelly diede agli americani un esempio di eleganza quando sposò il principe Ranieri III. Il suo abito stile Helen Rose era stato creato con 25 metri di taffetà di seta, 25 metri di peau de soie e quasi 300 cento metri di pizzo Valenciennes. A quanto si racconta al velo di pizzo e seta furono attacate mille perle. La sposa indossava tre sottane interne di crepe e taffettà. Lo squisito stile di Miss Kelly rimane uno degli esempi più indiscutibili della superba moda sposa del ventesimo secolo.

Fonti immagini:
messynessychic.com
media-cache-ec0.pinimg.com
matrimonio.it
brides.com