Marella Ferrera, Naturalmente Trend
21 apr 2015

Marella Ferrera, Naturalmente Trend

Marella Ferrera, Naturalmente Trend

‘Spesso sono di moda ma non per mia scelta o perché seguo le leggi del mercato, è un’etichetta che mi appiccicano i trend setter in base ai cicli del mercato dal folk ai pizzi della tradizione, dai ricami scultura agli intrecci di materiali diversi…il segreto del successo del mio Atelier è mixare e creare  progetti unici, sempre’.

La stilista siciliana Marella Ferrera intervistata da Wine&Wedding Italy, il brand che promuove l’Italia e l’Original Italian Style in tema di Destination Wedding, ci parla dell’immagine del matrimonio che viaggia su un doppio binario: da un lato come ricerca della tradizione del matrimonio inteso soprattutto come momento sacro e istituzionale e dall’altro come evento ludico, come festa, con le stesse attenzioni a ricevere gli ospiti in lunghissime tavolate tramandate da millenni ora tanto in voga.

Cosa cercano gli sposi stranieri che scelgono l’Italia e la Sicilia come destinazione di nozze?
“Cercano l’immagine della festa siciliana tipica del matrimonio celebrato nelle magiche terre del Sud, con l’atmosfera un po’ romanzata che ricorda Il Gattopardo ‘rivisitato’, dal pranzo in campagna sotto gli alberi di arance al carrettino siciliano come scenografia, dall’abito in pizzo all’accessorio come il velo del Settecento o dell’Ottocento”.

[fancy_images width=”192″ height=”210″] [image]http://www.wineweddingitaly.com/wp-content/uploads/2015/04/SPOSA-MF-1.jpg[/image] [image]http://www.wineweddingitaly.com/wp-content/uploads/2015/04/SPOSA-MF-2.jpg[/image] [image]http://www.wineweddingitaly.com/wp-content/uploads/2015/04/SPOSA-MF-3.jpg[/image] [/fancy_images]

Lei è un’interprete naturale dello stile siciliano ma è anche famosa per la sua capacità di innovare e sperimentare. Come si coniugano queste due tendenze apparentemente opposte?
“Il punto di partenza resta sempre il know how e il mio Dna siciliano, ma questo non ostacola la ricerca anzi direi che rafforza il desiderio di guardare all’aspetto innovativo grazie al quale l’idea del macramè viene realizzata a telaio utilizzando spaghi, rafia o intrecci di coralli. Tutto ciò  si coniuga perfettamente con i luoghi dove si celebrano le feste, come le magiche atmosfere delle isole Eolie o Egadi, come Salina, Pantelleria, dove l’abito è un innesto tra il paesaggio, un palcoscenico naturale, e colei che lo vive indossandolo”.

Qual è il materiale più innovativo sul quale ha sperimentato i ricami delle sue creazioni?
“Ho ricamato delle pietre ricavate dai geodi cavi, questi meravigliosi sassi che si aprono e rivelano un’immagine di cristallo. Ho utilizzato anche i cristalli di sale delle nostre saline che hanno dei colori magnifici o le radici di corallo sbianchite che hanno questa immagine di  terra che si allontana dal mare e comunque amo tutto ciò che esprime un sentimento e che mi trasferisce un’emozione”.

 A quale emozione allora sta lavorando pensando alle spose del 2016?
“In questo momento ho davanti dei bellissimi patchwork di filati in seta intrecciati con nastri di macramè tessuti con un telaio dell’800. Amo molto mixare, la moda è un po’ come la musica, quando hai le note giuste riesci a comporre delle melodie straordinarie. Sono una ‘purista’ che crede in quello che fa senza sottostare alle leggi dei mercati e degli ‘abiti a codici a barre’. I nostri sono Clienti consapevoli di ricevere l’unicità di un progetto assolutamente personalizzato”.

A proposito di Clienti, che tipo di Sposa veste Marella Ferrera?
“Innanzitutto una persona che desidera fortemente vivere questo tipo di esperienza, che si affida a me senza farsi prendere dalle ansie di vedere o provare subito l’abito. Il nostro è un percorso da fare insieme davanti allo specchio che, prova dopo prova, diventa giudice e maestro di eccellenza. L’esperienza di ‘creare’ il proprio abito è molto diversa da ‘acquistare’ un abito, appeso ad una stampella, prodotto per una moltitudine di donne che, magari, nella vita reale, non si somigliano affatto. Per questo motivo, le Spose che indossano le nostre creazioni sono sempre donne curiose, colte e molto sensibili sia se si parla di Clienti italiane sia se arrivano da terre molto lontane come l’Australia, New York o il Brasile”.

[fancy_images width=”192″ height=”210″] [image]http://www.wineweddingitaly.com/wp-content/uploads/2015/01/AM-4.jpg[/image] [image]http://www.wineweddingitaly.com/wp-content/uploads/2015/01/AM-6.jpg[/image] [image]http://www.wineweddingitaly.com/wp-content/uploads/2015/01/AM-3.jpg[/image] [/fancy_images]
 

Ci parli dei top seller del 2015 che certamente vivranno anche nel 2016

“Nel 2015 I pezzi più richiesti sono stati i macramè di rafia, i ricami di corallo, i macramè tessuti a telaio lavorati in patchwork. Come tessuto, il tulle di seta ha fatto da padrone grazie ai volumi così ampi e così rotondi che conferiscono agli abiti un romanticismo in chiave moderna molto amato dalle spose.
L’accessorio più richiesto che resterà in voga anche il prossimo anno sono invece le corone fiorite: questi intrecci di fiori ove possibile trovarli originali di cera del 1800 oppure da riprodurre in pasta di corallo”.

Sbirciando in anteprima nella collezione Marella Ferrera 2016, cosa ci anticipa?
“Abbiamo in lavorazione una sorta di sperimentazione tessile che ci sta emozionando molto per le visioni che riesce a trasmetterci. Parliamo dei ricami in silicone, di  micro e macro reti, di filamenti riempiti di materia che diventa trasparente e crea delle piccole sculture, di ricami effetto acqua”.

Questa è certamente la ricerca innovativa, quali sono invece i must intramontabili nella Moda Sposa Italiana?
“I must ci sono sempre, l’abito rotondo che riecheggia Il Gattopardo è un must da 50 anni e certamente continuerà ad affascinare per i prossimi anni, poi ci sono delle immagini iconiche immortali che continuano ad influenzare sia gli stilisti sia i gusti delle spose come l’abito indossato dalla principessa Grace di Monaco”.

[fancy_images width=”192″ height=”210″] [image]http://www.wineweddingitaly.com/wp-content/uploads/2015/01/AM-5.jpg[/image] [image]http://www.wineweddingitaly.com/wp-content/uploads/2015/01/AM-2.jpg[/image] [image]http://www.wineweddingitaly.com/wp-content/uploads/2015/01/AM-1.jpg[/image] [/fancy_images] 
Un’ultima domanda sul suo rapporto avviato ormai da qualche anno con Wine&Wedding Italy

“Siamo legati quasi a doppio filo perché in realtà le proposte di Wine&Wedding Italy in termini di destination wedding sono veramente  gli scenari ideali per quella che è la visione dei miei abiti inseriti in un contesto di architettura visiva.
Trovo assolutamente che abbiamo moltissimi punti in comune, per l’attenzione alla selezione delle location che voi scegliete, per i partner di qualità che avete. Moltissimi dei nostri abiti sono vissuti all’interno delle vostre location in Sicilia. Mi piace coniugare cultura, food, paesaggio, dove l’abito è un po’ una tessitura che viaggia su una linea orizzontale ed una verticale. Un altro motivo del felice legame con Wine&Wedding Italy è l’importanza della scelta non solo della location ma anche della qualità degli abbinamenti cibo/vino e dell’intera scenografia del matrimonio, compresi l’attenzione ai più piccoli dettagli”.

Grazie Marella, lei è un orgoglio per l’Alta Moda Sposa e ci auguriamo che molte spose italiane e straniere possano vivere il sogno di indossare un abito Original Italian Style.